Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti. Continuando a navigare su questo sito si dichiara di accettare l’utilizzo dei cookie.

Ulteriori approfondimenti Ok

 

 

gasthaus klausen albergo chiusa hotel

 

Benvenuti nell'albergo presso Chiusa
Carta escursionistica interattiva
 
 

Escursione al laghetto Radlsee e al Monte del Pascolo - Itinerario - Alto Adige

 

Da Bressanone si sale verso ovest al villaggio di Tiles - Tils, continuando verso nord fino a Gereuth ed al parcheggio del maso Perlungerhof (1380 m). Si segue poi sempre il ripido sentiero 8 / 8A, prima nel bosco e poi sui pascoli alti, fino al laghetto ed al vicino rifugio (2284 m, aperto d’estate; ore 2.30 – 3 dalla partenza). Continuando sul sentiero 7 si sale alla facile cresta, che porta in mezz’ora alla croce di vetta della Königsangerspitze (2436 m). Si torna sulla via dell’andata in tempo minore.

L’Alta Via di Lazfons - Itinerario

 

Salita: Da Lazfons - Latzfons (1160 m) si continua in macchina fino al maso Kühhof (1560 m, parcheggio). Sulla stradina 17, in lieve salita per bosco e prati, si giunge al rif. Chiusa -  Klausner Hütte (1919 m, ore 1.30).

Alta via di Lazfons: Sul sentiero 5/8 si sale nel bosco di pini cembri al bivio, ove si gira a destra sul sentiero pianeggiante 8, che attraversa a lungo i pascoli e, aggirando le falde del monte Königsanger, giunge infine al lago ed al rif. Lago Rodella - Radlseehütte (2284 m, aperto d’estate; ore 2.30 sull’alta via).

Discesa: Si rifà la via dell’andata fino ad incontrare il bivio; ivi si svolta a sinistra sul sentiero 10, che scende verso sud ad alcune malghe e poi nella selva a vari masi. A 1450 m circa di altitudine si incrocia il sentiero 17; girando a destra su quello, si traversa verso ovest fino al parcheggio (ore 2.30 di discesa).


Itinerario malghe Villanderer e baita Stöfflhütte - Itinerario

 

Dalla trattoria «Gasserhütte» (1744 m, parcheggio; strada proveniente daChiusa attraverso Villandro) si procede in direzione della malga Mair-in-Plun-Alm; al bivio si svolta a destra (indicazione «Jausenstation Rinderplatz») per arrivare alla omonima trattoria (1799 m). Da là si segue di nuovo verso destra la larga via segnata che, in piano ed in leggera salita su pascoli liberi, porta alla baita Stöfflhütte (2057 m, con posto di ristoro; ore due). Chi è già contento così, ritorna sulla via dell’andata. Propongo però di continuare il giro procedendo dapprima verso nord in direzione Latzfonser Kreuz; alla vicina malga alquanto elevata (Gfoller, 2120 m) si gira a sinistra sul sentiero che porta all’alta via. All’incrocio (capitello, 2107 m) si continua sul segnavia 1 verso sinistra e verso sud incontrando acquitrini; si attraversano le paludi in parte su assicelle ed altrimenti seguendo paletti direzionali conficcati nella melma. Superata felicemente l’acqua stagnante si incrocia il sentiero che sale alla cappella «Am Toten» (circa 2070 m); si scende sulla stradina 6 che riporta verso est alla Moar-in-Plun-Alm ed al parcheggio (ore 2.30–3 da Stöfflhütte).
 

Da Villandro al lago Totensee - Itinerario


Dalla trattoria Gasserhütte (1744 m; strada da Chiusa-Klausen, attraverso Villanders-Villandro) si segue la stradina 0 (indicazione «Totenkirchl»), che porta in breve alla trattoria Mair-in- Plun-hütte. Si continua sul sentiero 6 che, toccando la malga Pfroder-alm, sale alla chiesina (2186 m). Ivi si svolta a sinistra sul sentiero T, raggiungendo in piano in 10 minuti il lago (2208 m, ore 1.30). Ritorno: si continua sul T, superando la cresta di un costone (2350 m); poi si svolta a sinistra, scendendo sulla dorsale erbosa ad un’edicola, ove si prosegue sul sentiero 1. alla sella Gasteiger Sattel (trivio) si gira a sinistra (est) sul sentiero 7, che riporta al punto di partenza (ore 1.30). 


 
  Gasthaus zum Hirschen - Gasthaus zum Weissen Kreuz
Fam. Obrist • 39043 Chiusa / Lazfons
Albergo Hotel Chiusa - Val Isarco - Alto Adige
Tel. +39 0472 545 184 • Fax: +39 0472 545 067
info@gasthaus-weisses-kreuz.it
Alto Adige
Val Isarco
chiusa val isarco